Vai menu di sezione

Mercati tipici

Mercatini tipici

I mercati tipici presentano le seguenti caratteristiche:

  • sono organizzati da soggetti promotori privati
  • hanno quale scopo esclusivo la vendita al dettaglio
  • non hanno limiti logistici, ferme restando le disposizioni impartite dal Comune ai sensi del comma 3 dell'art. 18 della L.P. n. 17/2010
  • i partecipanti possono essere operatori appartenenti a tutte le categorie, anche non economiche
  • i prodotti posti in vendita devono appartenere ad una merceologia specifica o richiamare un tema specifico o una tradizione (Natale, Pasqua o antichi mestieri).

Il Comune territorialmente competente autorizza l'allestimento del mercato tipico previa richiesta presentata dal soggetto promotore e con proprio provvedimento determina le modalità e le condizioni per il rilascio dell'autorizzazione, compresi i requisiti di sicurezza e igienico-sanitari, e stabilisce il periodo e gli orari di apertura.

Ulteriori caratteristiche individuate nell'allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 1559 di data 8 settembre 2014

Requisiti soggettivi:

Per i requisiti morali e professionali necessari all’esercizio dell’attività di vendita al dettaglio da parte dei partecipanti al mercato tipico si applica l’articolo 71 del D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59, ad eccezione degli imprenditori agricoli per i quali si applica l’articolo 4, commi 1 e 6 del D.Lgs. 18 maggio 2001, n. 228.

Cadenza temporale e durata:

Nel caso in cui il mercato tipico sia legato ad una festa tradizionale o ad una manifestazione, la durata è stabilita dal Comune, in relazione alla durata della festa o della manifestazione.

I mercati tipici non legati a feste tradizionali o manifestazioni possono svolgersi una volta all’anno per una durata massima di 7 giorni, salvo che il Comune stabilisca una durata massima diversa nel provvedimento autorizzatorio.

I comuni possono stabilire convenzionalmente una cadenza e una durata diverse, in deroga ai limiti temporali di cui sopra, qualora i mercati tipici presentino caratteristiche e requisiti di particolare interesse pubblico, in quanto finalizzati alla promozione dell’economia solidale e della responsabilità sociale delle imprese, così come definite dalla legge provinciale 17 giugno 2010, n. 13.

Caratteristiche dei prodotti:

Affinché non venga meno la “tipicità” del mercato, i prodotti appartenenti alla “merceologia specifica” o al “tema specifico”, qualora non siano già di per sé legati ad una tradizione, devono possedere, alternativamente, le seguenti caratteristiche:
- requisiti di innovatività e originalità;
- essere qualificabili come prodotti artigianali di particolare pregio;
- costituire prodotti “di nicchia”.
I prodotti in ogni caso non possono essere quelli tradizionalmente posti in vendita nei mercati su aree pubbliche non specializzati. Il requisito della tipicità, come sopra descritto, dovrà risultare da specifica e dettagliata relazione da allegare alla domanda.

Pagina pubblicata Lunedì, 07 Marzo 2016 - Ultima modifica: Mercoledì, 09 Marzo 2016

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto