Vai menu di sezione

Giornali e riviste

Rivendite di giornali e riviste, edicole.

L'apertura, l'ampliamento e il trasferimento di sede delle rivendite di riviste e giornali sono soggetti a SCIA - segnalazione certificata di inizio attività da presentare al Comune competente per territorio, ai sensi dell'articolo 34 della L.P. n. 17/2010.

A decorrere dal 1 gennaio 2015, conformemente a quanto disposto dall'articolo 74, comma 1 della L.P. n. 17/2010, cessano definitivamente la loro efficacia le disposizioni riguardanti le rivendite di giornali e riviste contenute nella L.P. n. 46/1983, nel relativo regolamento di esecuzione e nel piano provinciale di politica commerciale, che sottoponevano a contingentamento il rilascio di autorizzazioni per la vendita di giornali e riviste (tabella XIV/19). Pertanto anche per la materia delle rivendite di giornali e riviste è stata stabilita una totale deprogrammazione. 

Non è soggetta a SCIA:

  • la vendita di pubblicazioni specializzate e pertinenti nelle sedi di partiti, enti o chiese, comunità religiose, sindacati, associazioni;
  • la vendita in forma ambulante di quotidiani di partito, sindacali e religiosi che ricorrono all'opera di volontari a scopo di propaganda politica, sindacale e religiosa;
  • la vendita nelle sedi di società editrici e delle loro redazioni staccate, di associazioni culturali, sportive o di beneficenza delle pubblicazioni e dei giornali da esse editi;
  • la vendita di pubblicazioni specializzate non distribuite nei punti vendita autorizzati;
  • la vendita tramite apparecchi automatici, la consegna porta a porta e la vendita in forma ambulante da parte di editori, distributori, edicolanti;
  • la vendita di riviste e giornali nelle strutture turistico-ricettive, se costituisce un servizio ai clienti alloggiati;
  • la vendita di riviste e giornali negli spacci interni previsti dall'articolo 3, comma 1, lettera i), se la vendita è riservata a chi ha titolo ad accedervi.

Chi può richiedere:

Chiunque sia interessato ad aprire una rivendita in sede fissa di quotidiani e periodici, purchè sia in possesso dei requisiti morali previsti dall’articolo 5 della L.P. n. 17/2010 (art. 71, commi 1, 3, 4 e 5 del D.Lgs. n. 59 del 26 marzo 2010) e nei cui confronti non sussistano le cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’articolo 67 del D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 (antimafia).

I locali nei quali viene insediata l'attività devono essere in possesso del titolo edilizio abilitativo (certificato di agibilità o certificazione di conformità) con destinazione d’uso commercio al dettaglio.

Quanto costa:

La presentazione della SCIA per la vendita di giornali e riviste al Comune di Levico Terme non comporta alcun costo. 

Tempi di attesa:

L'attività può essere iniziata a decorrere dalla data di presentazione al Comune della SCIA per la vendita di giornali e riviste.

Pagina pubblicata Venerdì, 04 Marzo 2016 - Ultima modifica: Mercoledì, 09 Marzo 2016

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto